Curiosità sulle oche a faccia bianca

Il nome “Svalbard Island” deriva etimologicamente dal norvegese antico e significa letteralmente coste fredde. Non a caso la natura ha dovuto adattarsi alla rigidità delle temperature in maniera sorprendente. Bisogna considerare che solo il 10% del terreno è coperto da vegetazione come muschi, tundre e licheni – non restano che distese di ghiaccio e montagne −. Quali animali possono essere in grado di sopravvivere a tali condizioni? Orsi polari, volpi artiche, trichechi e… oche a faccia bianca, ovviamente.

Cosa hanno in comune le oche a faccia bianca con le altre razze di oche

Come molte razze di oche, anche le oche a faccia bianca preferiscono trascorrere i mesi freddi in un posticino caldo e confortevole. Per questo è frequente incontrarle alle Svalbard, mentre passeggiano tranquillamente in compagnia delle renne – ma solo prima che partano a causa dello svernamento, alla fine dell’autunno –. Hanno un comportamento molto docile e mite e tendono a costituire una famiglia molto unita. Le coppie di oche faccia bianca, poi, non solo sono monogame. Guai ad avvicinarsi ai loro nidi! La difesa di uova e pulcini è l’unico momento in cui le femmine possono attaccare eventuali estranei in avvicinamento.

Questo particolare esemplare di oca si caratterizza per un lungo collo nero che contrasta fortemente con guance e fronte bianca.

Le libere oche a faccia bianca VS le oche domestiche

Per millenni gli uomini hanno addomesticato l’oca selvaggia, dalla quale oggi discendono le oche domestiche. Si tratta di una razza ben diversa da quella delle oche a faccia bianca, ma non per questo meno preziosa. Anche se vengono prevalentemente allevate per le loro piume e carne, tante famiglie in tutto il mondo le adottano in qualità di animali domestici. Nulla a che vedere con le oche a faccia bianca, abituate a sorvolare i mari dell’Antartide alle prime gelate.

Oche guardiane e oche a faccia bianca a confronto

Che si tratti delle particolari oche a faccia bianca delle Svalbard Island o delle più comuni oche domestiche, c’è davvero tanto da imparare su questi buffi pennuti. Quest’ultime sono animali molto affettuosi che tendono a seguire il loro padrone ovunque vada, ma all’occorrenza possono trasformarsi in temibili oche guardiane. Che sia maschio o femmina, si tratta di un animale territoriale che difende tutto quello che considera il suo spazio. È proprio come avere un mastino con becco e due zampe.

Di contro, l’oca a faccia bianca è un genere di animale assolutamente libero e privo di radici, pronto a spiccare il volo verso nuove avventure ogni volta che lo desidera.

Leave A Comment

Shopping cart

Subtotal
Shipping and discount codes are added at checkout.
Checkout